intervista a Nesh (LBS Crew) vincitore della Born To Rap Freestyle Battle del 2015

Inserita da il 25 mag 2016

Siamo al ‘Ta,Sì! di Albino (Bg) per intervistare Nesh della LBS Crew che proprio qui nel 2015 ha vinto la nostra Born To Rap Freestyle Battle

01) P.T. OnlyHipHop.org: Bella Nesh, raccontaci come hai iniziato col rap… prima da ascoltatore e poi da MC e la nascita della LBS Crew
Nesh: All’inizio ascoltavo musica punk e un po di metal, tutta roba molto incazzata e non vedevo di buon occhio il rap che a quei tempi, almeno per quello che girava a livello mainstream, mi sembrava molto commerciale.
Poi iniziai ad ascoltare un po di reggae e Mr. Baba (Babaman) cosi cominciai a sentire un po di rap ed ho conosciuto Garl ed altri ragazzi della zona appassionati di hip hop così iniziammo molto semplicemente: c’era chi faceva freestyle, come me, chi beatbox e così nacque la LBS Crew e facemmo il nostro primo vero Live proprio alla prima serata Born To Rap qui al ‘Ta,Sì! music bar di Albino nell’Ottobre 2011. A quella serata portammo qualche demo registrato in fretta e furia il giorno stesso.

2) P.T. OnlyHipHop.org: Il vostro primo disco insieme “Beers & Spliffs mixtape” www.onlyhiphop.org/download/lbs-crew-beers-and-spliffs-mixtape/ risale ormai al 2012. Qualche ricordo particolare legato alla pubblicazione di quel disco?
Nesh: “Beers & Spliffs” è nato spontaneamente. Noi volevamo un posto dove registrare, abbiamo affittato un garage nel quale siamo riusciti ad allestire un piccolo studio di registrazione dove, oltre a scrivere i pezzi e registrarli, passavamo del tempo bevendo e fumando da qui il titolo del nostro mixtape.

3) P.T. OnlyHipHop.org: Nel 2013 hai invece pubblicato il tuo esordio solista “Un Sognatore mixtape” www.onlyhiphop.org/download/nesh-lbs-crew-un-sognatore-mixtape/ anticipato dal singolo “A Me Basta Un Sorriso” che ha ottenuto migliaia di visualizzazioni sia su YouTube che qui sul nostro sito. Spiegaci un po le principali differenze rispetto al disco collettivo con la LBS dell’anno precedente e qualche aneddoto sulla registrazione
Nesh: La differenza fondamentale sta nel fatto che quando registri un disco con tutta la crew ogni canzone nasce coralmente ed ognuno costruisce la sua parte intorno anche alle idee e agli spunti degli altri componenti della cricca il tutto in un’atmosfera di presa bene generale.
Mentre il mio disco solista è molto personale tanto che all’inizio non sapevo neanche se pubblicarlo e riguarda varie tematiche toccando temi anche più profondi.
A livello di registrazione e missaggio “Beers & Spliffs” è molto grezzo mentre “Un Sognatore” è un mixtape un po più ricercato anche a livello di registrazione.

4) P.T. OnlyHipHop.org: Quali rapper statunitensi ed italiani ammiri di più e c’è qualcuno da cui trai ispirazione?
Nesh: in Italia ti dico Neffa a livello di stile anche se, guardando invece la coerenza musicale, dovrei dire Kaos che spacca oggi come ieri.
Per quanto riguarda invece il rap americano ascolto soprattutto il suono East Coast anni ’90 specialmente quello degli MCs di New York anche se devo dire che il top per me è Evidence (anche se è della West Coast ed ha sonorità un po diverse) che sono andato ad ascoltare Live a Roma partendo da Bergamo appositamente per il suo concerto!

5) P.T. OnlyHipHop.org: Cosa ti piace e cosa no della scena rap di Bergamo attuale? Differenze rispetto al passato?
Nesh: Una crew che stimo molto è quella delle Teste Complesse con cui mi era capitato di condividere il palco proprio durante la serata Born To Rap al ‘Ta,Sì di cui parlavo prima.
Ho fatto freestyle sul palco a fine serata con Lumazzi delle TesteComplesse e la cosa mi è rimasta impressa.
Li rispetto e ammiro come rapper e come persone.
La nuova scena di Bergamo invece sembra un po troppo commerciale: ragazzi che “fanno i rapper” invece che fare il rap!

6) P.T. OnlyHipHop.org: Adesso parliamo di Freestyle, nel 2015 hai vinto la Rap Battle “Venerdì 13” targata Born To Rap @ ‘Ta,Sì! di Albino (Bg) raccontaci qualche segreto per essere un freestyler vincente
Nesh: il segreto per me per fare freestyle è essere spontanei e lasciarsi andare:
ascolta il beat, prenditi bene e rappa quello che ti passa per la testa facendo un viaggio che trasporti anche il pubblico.
Non mi alleno molto perchè la vedo come una cosa più libera come dice il nome stesso.

7) P.T. OnlyHipHop.org: Classica domanda, un bravo freestyler secondo te diventa facilmente anche un grande MC su disco? Quali sono le principali differenze visto che tu fai entrambe le cose
Nesh: Sono due cose molto diverse ed è pieno di esempi di grandi freestyler che poi non riescono a realizzare un bel disco oppure di grandi rapper su disco che non fanno mai freestyle.
il Freestyle è una cosa che deve venirti il più naturale possibile quando invece scrivi e registri un pezzo ovviamente hai tutto il tempo per pensare, migliorarlo e rifarlo.

8) P.T. OnlyHipHop.org: Progetti per il futuro come solista e per la LBS Crew? Dischi in uscita?
Nesh: non posso ancora rilevarti nulla sulle prossime uscite degli altri membri della LBS Crew invece posso dirvi che il mio nuovo disco solista a cui ho iniziato a lavorare già nel 2013 subito dopo la pubblicazione del mio mixtape d’esordio “Un Sognatore” è quasi pronto e dovrebbe uscire a Settembre e vi svelo in anteprima il titolo, si intitolerà “Complesso Universale”
Ci sono state mille cose, tra lavoro e sbattimenti vari che hanno allungato le tempistiche di lavorazione di questo disco anche perchè ci tengo a realizzarlo nel migliore dei modi

9) P.T. OnlyHipHop.org: Prossimi eventi Live a cui parteciperai ?
Nesh: Venerdì 27 Maggio al Born To Rap final party della 5^ stagione e poi dopo la pubblicazione del nuovo disco cercherò di fare quanti più Live possibili perchè questa è la mia passione.

10) P.T. OnlyHipHop.org: Come ultima domanda raccontaci in poche parole cosa è per te il rap e in che direzione dovrebbe andare questa musica e la cultura hip hop in generale?
Nesh: il Rap per me è essere ciò che sei ed esprimerti, è un po un linguaggio dell’anima ed una riflessione sulla società in cui viviamo, una musica di protesta.
L’hip hop in generale è una cultura, un’arte espressiva che ti porta a migliorarti sia a livello di rap che di graffiti e breakdance.
Sono cuore ed anima che parlano. Oggi purtroppo sta andando un po tutto a puttane perchè il “sistema” vedendo la presa che aveva sui giovani ha preso il rap togliendolo dalla cultura hip hop e mischiandolo un po con tutto ne ha svuotato quindi il messaggio. Forse è per questo che alcuni dei migliori dischi di rap italiano sono usciti intorno al 2000 quando il rap vendeva poco e non era diffuso in radio e tv. Sono di quel periodo dischi come “Fabiano detto Inoki”, il disco “L’Alba” de La Crème (Jack The Smoker e Mace), “60Hz” di Dj Shocca, “Anima e Ghiaccio” dei Colle Der Fomento, “Karma” di Kaos, “Sotto La Cintura” dei One Mic, “Prima di Partire” di Mr. Baba. Dischi che ancora oggi spaccano e restano ineguagliati nel panorama italiano.

Ringraziamo Nesh e lo ascolteremo Live Venerdì 27 Maggio, in attesa della pubblicazione del suo nuovo disco “Complesso Universale”



Se hai dimenticato la tua password usa il recupero password.

×